GARDA MARATHON: PAEZ VINCE LA MEDAGLIA D’ARGENTO

15.04.2019 – Si è da poco conclusa la Garda Marathon di Patron Maurilio Cavalieri. La gara è stata ridotta in chilometraggio causa maltempo: un cambiamento che poco ha avvantaggiato la coppia colombiana Paez-Arias, abituati a ben altre distanze.

Presenti sul campo gara assieme ai nostri portacolori Arias, Paez e Shokri 2500 partenti ed un ottimo parterre anche nella categoria Elite.
Alle 9 lo start della gara da Lungolago Regina Adelaide. Sin dai primi colpi di pedale è Paez assieme ad un altro biker a prendere il sopravvento andando in fuga. Al primo rifornimento a San Zeno della Montagna i due transitavano insieme con un vantaggio di circa 30 secondi; nel secondo gruppetto di inseguitori l’altro colombiano Diego Arias ed ancora più distaccato l’iraniano Faraz Shokri.

Testa della corsa invariata alla seconda feedzone ed ancora in coppia si presentano al traguardo dove Paez perde la volata per un decimo di secondo. Arias conclude appena fuori dalla top ten, mentre Shokri termina 35.

“Mi sono sentito abbastanza bene anche oggi – spiega Paez – nonostante la pioggia ho scelto di correre con Maxxis recon Race sull’anteriore ed Aspen sulla posteriore e sono sempre più soddisfatto di questi prodotti Maxxis, tanto da consigliare a tutti di provarli – prosegue Paez. Ho condotto una buona gara, mi sono sentito bene e reattivo nonostante sia stato accorciato il percorso, peccato per la caduta dopo la finish line che mi ha lasciato qualche residuo, ma poteva andare peggio.”

Ad accompagnare team e staff questa domenica la Team manager Loredana Manzoni che commenta così la prestazione dei tre alfieri: “Bravi tutti e tre i ragazzi, encomio ad Arias partito nonostante una brutta influenza in corso, Shokri alla sua terza gara stagionale deve ancora fare ritmo, Paez ha disputato un’ottima gara, dimostra in continuazione di essere un atleta di altissimo livello e nonostante questo resta umile e disponibile…queste sono doti che non si comprano e noi siamo orgogliosi di avere questi atleti“.